"io sono qui per continuare ad imparare"

Una frase, un ringraziamento, un pensiero, una poesia, una nota citazione, una preghiera, una testimonianza che trattano i temi fondamentali della vita (che chiamerò "riflessioni") possono, qualche volta, tracciare un solco positivo nel cuore e in alcuni casi diventare motivo di stimolo, speranza, conforto, sostegno. Se alle mie "riflessioni" aggiungerete le vostre, condivideremo anche con altri qualche prezioso suggerimento, come meditazione sulla realtà del vivere quotidiano.


mailto:g.enrica.g@gmail.com
http://www.youtube.com/enricasignorag
http://www.facebook.com/enrica.giulio.sciandra



sabato 14 ottobre 2017

Ho sognato

Tutto è possibile per chi crede - Mc 9,23-
8 ottobre 2017-Giuliana ci ha raccontato: "HO SOGNATO che guardavo la processione della Madonna con mamma e papà e c'erano tante persone con le candele accese e tutti cantavano "Ave Maria". La Madonna è scesa dalla statua e mi ha messo una mano sulla testa e mi ha detto:"Ti proteggo"...

Nel silenzio di tanto mistero, due lacrime scendono dopo tanto tempo...
Giuliana è proprio un angelo misterioso.

I bimbi sono un bersaglio

Per fare morire l’albero bisogna colpire le radici.
I nostri bimbi sono un bersaglio e su questo non ci sono dubbi: 
si inizia distruggendo la famiglia, 
si continua mettendo in dubbio la loro identità (maschio, femmina, altro?) 
Quale frutto- testimonianza offrono, a loro, le nostre radici?

sabato 7 ottobre 2017

Il sentiero della vita


Lago di Braies (m.1496) giugno 1964 (una delle tappe viaggio di nozze)
Quanto cammino ho percorso da allora...!!! Mi soffermo, quante salite? Quante discese? Eppure eccomi ancora qui sul sentiero della vita aspettando, sperando ancora alla mia età…
"Non già nel seguire il sentiero battuto ma nel trovare a tentoni la propria strada, seguirla coraggiosamente, consiste la vera libertà" (Gandhi)

La pigòtta di lana


Mia madre l'aveva confezionata per me con lana avanzata. 
Io, l'avevo confezionata per Giuliana con lana nuova e colori più adeguati per una bimba. C'è dietro il lavoro, la ricerca dei materiali, il tempo impiegato, l'amore, la passione e l'anima nel confezionarla! 
I bimbi guardano, toccano, coccolano ed amano. 
A Giuliana non interessa.

La bella bambola


... molti anni sono trascorsi, tempi più lunghi, gioie più intense, dolori più cocenti, situazioni più drammatiche...ma io percepisco in questa storia della bambola "bella" la mia situazione vissuta e che vivo con Giuliana.  La separazione da ciò che più ami lascia cicatrici incancellabili in un cuore inquieto che ama 
LA BELLA BAMBOLA CHE ARRIVA DALLA SPAGNA.
Il mio più grande desiderio era poter avere una bambola più bella della mia pigòtta postata sotto…A dieci anni il mio sogno divenne realtà. Mio fratello, dalla Spagna, mi portò una bambola in celluloide confezionata in una scatola trasparente…Il sogno si era avverato… e per paura di sciuparla la misi sotto il mio letto (nella sua scatola) e tutti i momenti correvo in camera, mi abbassavo, spostavo la scatola all’esterno del letto e la guardavo con emozione: era la mia Carmen! Quale gioia! Avevo aspettato dieci anni ma ora potevo ammirare la mia bambola bella! Dopo 15 GIORNI, una mattina, mia mamma, mi disse: "l’hai goduta tanto la tua Carmen(!!!!!), oggi pomeriggio andiamo a trovare una tua cuginetta, ricoverata in istituto, dovresti regalarla a lei, la farai contenta…"(NON E' STATO UN GESTO IMPOSTO...ERO LIBERA DI DIRE DI NO). Andai in camera, tolsi la scatola da sotto il letto, guardai mia mamma negli occhi e dissi: “sono pronta, andiamo in istituto”. Sul pullman tenevo tra le braccia, con amore, la scatola con la mia Carmen: l’avevo desiderata e amata tanto…Mia madre mi stava insegnando che è vero amore donare qualcosa a noi caro per far felice chi è "fragile". Con emozione consegnai la bambola a mia cugina che non la guardò nemmeno ed una suora prese la scatola e la portò via…    
Non ho più avuto bambole e non le ho mai più desiderate...
Io con la pigòtta

giovedì 28 settembre 2017

Sublime!

“Amor che nella mente mi ragiona” 
cominciò egli a dir si dolcemente
che la dolcezza ancor dentro mi suona.
(Dante Alighieri - "Purgatorio", canto II) -  
Art Baroque · Classicisme