"io sono qui per continuare ad imparare"

Una frase, un ringraziamento, un pensiero, una poesia, una nota citazione, una preghiera, una testimonianza che trattano i temi fondamentali della vita (che chiamerò "riflessioni") possono, qualche volta, tracciare un solco positivo nel cuore e in alcuni casi diventare motivo di stimolo, speranza, conforto, sostegno. Se alle mie "riflessioni" aggiungerete le vostre, condivideremo anche con altri qualche prezioso suggerimento, come meditazione sulla realtà del vivere quotidiano.


mailto:g.enrica.g@gmail.com
http://www.youtube.com/enricasignorag
http://www.facebook.com/enrica.giulio.sciandra



giovedì 28 agosto 2014

Ama ciò che hai...prima...


Un ragazzo regala alla sua fidanzata una bambola, lei si innervosisce e butta la bambola in strada.
Il fidanzato le dice ma perché hai buttato la bambola?
Lei risponde, perché non mi piace il tuo regalo così lui va in strada e prende la bambola, quando all'improvviso una macchina lo investe e lui muore.
Il giorno dei suoi funerali, in lacrime, la fidanzata prende la bambola e la stringe forte a se, mentre stringe la bambola...questa dice: "Mi vuoi sposare?"
La ragazza impaurita fa cadere la bambola.
Cadendo, dalla tasca escono due fedi.

La morale di questa storia :
Ama ciò che hai, prima che la vita ti insegni ad amare ciò che hai perso...

Giovanni Carta

lunedì 11 agosto 2014

Nostalgia


NOSTALGIA - Agosto - 
S’ciao amisa, indoe te seet?
Mì t’hoo vista chì rivà
quand el Tòni el t’ha sposaa.

Poeu t’hoo vista in gravidanza,
mì t’avevi già adottaa:
on poo divèrsa la nòstra età
i nòster strad s’hinn separaa.

Tutt l’è cominciaa e finii d’estaa.

A la sera la mia tosètta
la giugava sul balcon
e la toa pussee in alt
la giugava col ballon.
S’èmm guardaa, èmm sorriduu
anca se on poo lontan
i nòst coeur hann saltaa duu pian.

El balcon da quèll dì
l’è salòtt per tì e per mì,
te m’hee dii con tanta giòia
che tornava la cicògna

Lì sui scal s’èmm settaa giò
i tosanètt giughen on poo
guardom i fotografii
i nòst ciaccer on cinguettii.

Quanti vòlt se sèmm ciamaa
mì dal bass, tì da l’alt?
Passa i mes, torna l’estaa
ed on bèll bagain l’è naa

In cà mia, settada giò
èmm riduu, sognaa, piangiuu
se vedevom già nonnètt
cont i nòster duu omètt.
I nòster fioeu seren balòss
e saltaven su e giò
dal divan rococò.

T’hee stringiuu la mia tosètta
in giardin te l’hee portada
ne la toa cà te l’hee ospitada
come toa te l’hee trattada.
L’ha giugaa coi tò fiolin
come se fussen fradellin

Mì t’hoo amaa come mia tosa
hoo gioii per la toa giòia
hoo soffert p’el tò dolor.
Numm s’èmm semper rispettaa
per i problèma che gh’è in cà...

Te me scappet via,
te me ciamet quasi pù,
se l’è succèss mia dolce tosa?
T’hee desmetegaa la mama?
Pròppi vera che chi se ama
el spètta semper con amor...

Poeu quèll dì de la befana
maledètta mattinada!
A la pòrta t’hee sonaa,
el mè coeur l’ha sussultaa
la toa faccia l’era smòrta
...ma stà nò lì su la pòrta!
In cusina te see entrada
e te seret tanto malada.

Come pòdi chì spiegà
tutti i mes che hinn passaa?
Gh’è pù i sògn, domà dolor:
l’è distrutt el nòst amor!
La toa vos pù la me ciama
...e la bèlla cicciarada?

Tanti ann hinn giamò passaa
ma in fond in fond al coeur
mì me senti anmò ciamà:
guardi foeura guardi sù
al balcon te ghe see pù...
I mè oeugg guarden al ciel
l’emozion la stend on vel:
mì te tègni in del mè coeur e poeu torni denter cà.
Enrica

Gh'è ona quai "licenza poetica". Balcone = poggioeu, cinguettio = el cippà, fiolin al plural el fà fiolitt, sussultà = saltà via.

Tu sei la nostra stella

Notte di San Lorenzo.. 
non abbiamo guardato
le stelle cadenti... 
 non abbiamo espresso 
alcun desiderio 
perché tu, Giuliana, 
sei la "stella" 
sempre presente 
nei nostri cuori 
colmi d'amore...

Stelle cadenti


Le stelle cadenti 
ci ricordano ogni anno 
che c’è sempre qualcosa 
in cui sperare, 
c’è sempre qualcosa 
da desiderare. 
Ama, 
sogna, 
desidera 
e le stelle
 faranno da contorno 
alla tua luce.

Stephen Littleword

X Agosto di G. Pascoli

X agosto è una poesia composta da Giovanni Pascoli in memoria del padre Ruggero, assassinato in circostanze misteriose il 10 agosto 1867, giorno di San Lorenzo. 

San Lorenzo, io lo so perché tanto
di stelle per l'aria tranquilla
arde e cade, perché sì gran pianto
nel concavo cielo sfavilla.

Ritornava una rondine al tetto:
l'uccisero: cadde tra spini:
ella aveva nel becco un insetto:
la cena de' suoi rondinini.

Ora è là, come in croce, che tende
quel verme a quel cielo lontano;
e il suo nido è nell'ombra, che attende,
che pigola sempre più piano.

Anche un uomo tornava al suo nido:
l'uccisero: disse: Perdono;
e restò negli aperti occhi un grido:
portava due bambole in dono…

Ora là, nella casa romita,
lo aspettano, aspettano in vano:
egli immobile, attonito, addita
le bambole al cielo lontano.

E tu, Cielo, dall'alto dei mondi
sereni, infinito, immortale,
oh! d'un pianto di stelle lo inondi
quest'atomo opaco del Male!

(foto di Silvia Frau)

Osservare la superluna...e sognare



Luna e laguna di Santa Gilla – Cagliari – 
Domenica 10 agosto 2014

Scientificamente si parla di perigeo in fase di luna piena (o nuova), comunemente di superluna. 

A San Lorenzo la Luna ha offuscato in parte le meteore più attese dell’anno (che continueranno però a cadere anche nei giorni a seguire, raggiungendo il loro massimo tra il 12 e il 13 agosto).

"Quando osservo la luna piena in cielo,
 mi sento parte di un disegno straordinario, 
un tassello infinitesimamente piccolo, 
in un mondo infinitesimamente 
grande di possibilità".
Stephen Littleword

e questa luna è stata fotografata da Sergio Di Lena a Sesto S. Giovanni

sabato 2 agosto 2014

Il Duomo di Milano



Il Duomo di Milano,
 "una poesia incisa nel marmo"
Che meraviglia! 
Così imponente, 
così solenne, 
così grande! 
Eppure così delicato, 
così etereo, 
così elegante!...
Mark Twain

Ma oggi...


Ieri è storia, domani è mistero, ma oggi... 
(maestro Zen Oogway)

Capita che la nostra "assenza" dal presente sia dovuta dal permanere o nel passato o nel futuro e perdiamo tutto quello che è più reale nella vita:l'attimo in cui siamo.


Il libero arbitrio


Se la luna, mentre completa il suo eterno viaggio intorno alla terra, ricevesse il dono dell’autocoscienza, sarebbe certamente convinta di stare viaggiando secondo la propria decisione lungo la sua strada con la forza di una decisione presa una volta per tutte. 
Allo stesso modo un Essere dotato d’intuizione superiore e di una perfetta intelligenza, che osservasse l’uomo e le sue azioni, sorriderebbe dell’illusione umana che lo spinge a credere di poter agire secondo il proprio libero arbitrio.
Albert Einstei

lunedì 28 luglio 2014

Il cuore è come un camaleonte

Quel povero cuore solo mirate
come se lo dividon gli affetti:
ora l'amore tutto per sé lo vuole,
ora l'odio per tutto l’invola,
ora il timore lo fa di ghiaccio,
ora la collera l'accende in fuoco;
la compassione lo strugge in lacrime,
l'ostinazione lo condensa di durezze,
vuole e non vuole, compra e rivende,
brama e si pente.
Camaleonte che di tutte le varietà si colora.
Proteo che di tutte le mutabilità si diletta,
bestia che con tutte le contrarietà si corruccia.
Luigi Giuglaris (seconda metà XVII sec.), Avvento e altre prediche insigni

Dipinto Jim Dine – Sovereign Nights, 1985-86